La prima volta che ti ho parlato di Keepa è stato in occasione dell’Amazon Prime Day 2016 e, a distanza di due anni, si tratta di un pezzo assolutamente attuale, ancora valido, che ti parla di un componente aggiuntivo che non solo esiste ancora, ma che continua a migliorare in ogni suo aspetto, coadiuvato da un sito web molto ricco di funzioni e che ti fornisce davvero una quantità enorme di informazioni riguardo i prodotti ai quali sei interessato. Dato però che di quell’articolo non si può salvare l’ultima parte (quella relativo al bot Telegram, nel frattempo dismesso), cerco di porre rimedio oggi, parlandoti di una possibile alternativa, un monitor che puoi attivare tramite Pagomeno.

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa

Pagomeno

Pagomeno, in breve:

Pagomeno è un servizio completo per il confronto di prezzi e prodotti il cui scopo è aiutare i consumatori a fare le proprie scelte d’acquisto nel modo più informato possibile. Confronta prima di acquistare: su Pagomeno trovi di tutto, dai frigoriferi ai computer portatili!

Continua su: pagomeno.it/info.php?t=about_company

Un comparatore di prezzi che, tra le altre cose, prende in esame anche Amazon ed eBay, target principali di Keepa, ciò che forse interessa di più a te. Pagomeno è stato già citato in altri miei articoli, è un buon sito web che permette di tenere d’occhio il mercato e l’andamento prezzi dei prodotti più interessanti e “mainstream“, il suo database è già molto ricco e cresce sempre più con il tempo. Anche lui permette di dare un’occhiata ai grafici più immediati da digerire, di farsi un’idea dei costi comprensivi di spedizione (utile per chi vende al di fuori di Amazon ed eBay), di monitorare ciò che più ricerchi.

Pagomeno come possibile alternativa a Keepa

Seppur sprovvisto di strumenti di alert su più fronti (Keepa ti mette a disposizione pressoché qualsiasi tipo di comunicazione, dalla mail al messaggio pubblico via Twitter, passando per feed RSS, Facebook Messenger e Telegram), Pagomeno ti dà la possibilità di impostare alcune condizioni che –se dovessero verificarsi– farebbero partire immediatamente una mail verso il tuo account di posta, associato a un utente registrato sulla piattaforma, in alternativa potrai usare il feed RSS o l’applicazione per smartphone.

Pagomeno
Pagomeno
Price: Free
Pagomeno
Pagomeno
Developer: Prisjakt
Price: Free

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa 1

Ecco quindi che per tenere d’occhio la testa termostatica aggiuntiva di Tado (l’esempio qui sopra) ti basterà attivare l’avviso e impostare le tue condizioni:

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa 2

Una volta effettuato il salvataggio, Pagomeno terrà d’occhio il prodotto come da norma del servizio stesso, ma si ricorderà di inviarti una notifica in caso quel prezzo vari secondo le specifiche impostate. È semplice, veloce, immediato da comprendere, la registrazione dell’account è gratuita e ti permetterà di impostare gli avvisi di calo prezzo ma anche di creare liste di prodotti che possono interessarti, effettuare confronti e altro ancora.

Ti ricordo ancora una volta che l’area commenti è a tua totale disposizione se vuoi chiacchierare in merito all’articolo e al prodotto di cui parlo, altrimenti puoi proporre una tua alternativa (che magari non conosco e che mi farebbe certamente piacere provare).

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

No, non è un nuovo servizio inventato da Mozilla, è semplicemente un’ulteriore freccia all’arco di quell’azienda che sta progressivamente (sempre più) muovendosi in una direzione ben precisa, più dedicata alla libertà, educazione e sicurezza della navigazione, lasciando un po’ da parte quello che era il core business fatto di corsa alle statistiche di utilizzo del proprio browser e ulteriori applicativi disponibili nel bouquet. Oggi si parla quindi di Firefox Monitor, strumento che può tornarti utile per sapere se i tuoi dati e –ancora peggio– le tue credenziali sono finite in mani sbagliate, per cercare di correre ai ripari nel più breve tempo possibile.

Firefox Monitor ti avvisa in caso di furto credenziali

Firefox Monitor

Tutto parte da HIBP

Si chiama “have i been pwned?” (HIBP, per l’appunto), ed è il sito web che ha dato inizio a tutto, pensato, voluto, sviluppato e mantenuto da Troy Hunt, il quale permette un’operazione molto complicata se non si conosce dove mettere le mani: partendo da un indirizzo di posta elettronica (dato fondamentale per la registrazione a qualsivoglia servizio nel 99% dei casi), il sito è in grado di interrogare un database contenente una mole di dati enorme, generalmente sottratti ad aziende che non li hanno protetti a dovere, esposti in seguito sul web, messi a disposizione di un mercato nero che con questo tipo di materiale ci va a nozze (materiale che può servire diversi scopi, così come diversi sono i modi di venderlo e reperirlo anche in un secondo momento, quando le acque si calmano), facendoci sapere se siamo vittime impotenti e spesso inconsapevoli di quegli attacchi.

A spiegare il perché e il come di HIBP è proprio Troy Hunt nella pagina About del sito web ufficiale: haveibeenpwned.com/About. Io ho interrogato diversi indirizzi di posta elettronica appartenenti al sottoscritto, l’ho fatto ormai qualche anno fa, e ho approfittato della possibilità di iscriversi al servizio di alert per ricevere successive comunicazioni in caso di nuovi attacchi contenenti i miei dati personali. In quei dati possono esserci riferimenti alla persona e alla sua posizione (indirizzo di residenza, ufficio, ecc.) ma non solo (password, IBAN, potenzialmente anche riferimenti alle carte di pagamento, seppur privi di date di scadenza e CVV2). Nel tempo si sono susseguiti miglioramenti della piattaforma e ricerca anche per dominio colpito, ma il cuore pulsante è e rimane il servizio basato sull’interrogazione dell’indirizzo di posta elettronica e alert impostabile per futuri attacchi.

Cos’è quindi Firefox Monitor?

Firefox Monitor è un po’ la personalizzazione di un servizio che forse non tutti conoscono, ma che continua a svolgere il suo prezioso lavoro ogni giorno. In collaborazione con HIBP, un apposito nuovo sito web (monitor.firefox.com, manco a volerlo rendere troppo complicato) si occuperà di lanciare l’interrogazione e mostrare i risultati a video (oltre che notificarli a mezzo posta elettronica, se lo vorrai), tutto minuziosamente spiegato nell’articolo pubblicato lo scorso 25 settembre sul blog della società:

Introducing Firefox Monitor, Helping People Take Control After a Data Breach

Io ho ovviamente fatto qualche test con alcuni dei miei account, ottenendo i medesimi risultati che conoscevo già (in seguito ai quali ho chiaramente cambiato password dove e quando necessario):

Anche in questo caso potrai iscriverti per futuri aggiornamenti automatici (Firefox Monitor Protection), che ti verranno consegnati a mezzo posta elettronica dai server di Mozilla, rendendo il tutto un po’ più ufficiale e forse fidato rispetto al progetto autonomo di Troy (che comunque, continuo a ribadire, è il primo ed è in fin dei conti quello che ci mette le ricerche, le API e tutto ciò che serve per analizzare i dati recuperati dopo gli attacchi e individuare al loro interno il tuo account di posta elettronica). Ciò che tu dovrai fare in seguito alla consultazione dei risultati è seguire quanto suggerito dal sito web e, per non saper né leggere né scrivere, andare a cambiare la password degli account colpiti. Mozilla usa il nuovo sito web per riepilogare le mosse da intraprendere, tutte abbastanza comprensibili nonostante non siano ancora localizzate in italiano:

Firefox Monitor ti avvisa in caso di furto credenziali 3

Ciò che posso consigliarti è dare un’occhiata al mio vecchio –seppur ancora valido– articolo dedicato alla scelta di una password robusta e sempre diversa per ogni tuo servizio, pubblicato in occasione dell’ultimo attacco a Twitter e a molti dei suoi account:

Tanto va la gatta al lardo, che ci lascia la password di Twitter

Al solito, per qualsiasi dubbio o informazione riguardante l’argomento discusso in questo articolo, l’area commenti è a tua totale disposizione, così come il forum di Mozilla Italia dove –se ti va– possiamo approfondire l’argomento relativo a Firefox Monitor.

Buon proseguimento :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Per chi non dovesse utilizzare sistemi server in inglese, l’icona “This PC” altro non è che “Questo computer“. Questa, in via ufficiale, la si può far comparire sul Desktop solo utilizzando il ruolo “Desktop Experience” che puoi aggiungere dal Server Manager. In realtà non è proprio così, funziona un po’ come già spiegato in passato per il CleanMgr non a bordo sistema in maniera predefinita. Anche stavolta un semplice trucco ti permetterà di raggiungere l’obiettivo senza necessità di portarti dietro null’altro.

Win10Clean.ps1: uno script PowerShell per fare pulizia su Windows 10 1

Windows 2012 R2

Testato su Windows 2012 R2, il metodo deve funzionare senza problemi anche su Windows 2012. Apri un Prompt dei Comandi o, se preferisci, anche solo un Run (tasto Windows + R), quindi utilizza questo comando per far comparire la finestra che ti permetterà di selezionare le icone da visualizzare sul Desktop:

"%Systemroot%\system32\rundll32.exe" shell32.dll,Control_RunDLL desk.cpl,,0

A questo punto il risultato dovrebbe essere questo:

Windows 2012 R2: mostrare l'icona This PC senza Desktop Experience 1

Ti basterà selezionare le icone desiderate e confermare con OK.

Buon lavoro :-)


fonte: social.technet.microsoft.com/Forums/windowsserver/en-US/ae462bce-1c71-4a36-a0ce-1ef4ad0bc31e/how-to-show-computer-on-desktop?forum=winserver8gen, intervento di GC-Tech.

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

macOS Mojave è stato ormai rilasciato pubblicamente il 24 settembre scorso, le installazioni sui vari Mac compatibili proseguono –immagino– progressivamente, probabilmente qualche utilizzatore (come me, vecchia scuola) di Caffeine se ne sarà già accorto: la preziosa utilità tenuta a portata di Spotlight per tanti anni ha smesso definitivamente di funzionare. Un addio al quale in realtà mi ero già preparato qualche tempo fa (te lo ricordi questo articolo?), ma al quale non ho mai davvero fatto l’abitudine, continuando a utilizzare per praticità il software di Lighthead.

E adesso che si fa?

Addio Caffeine, benvenuto KeepingYouAwake!

Si utilizza il comando da Terminale o si sostituisce Caffeine con un’applicazione che offre le stesse caratteristiche? La scelta è tua, io ti elenco le possibilità.

Caffeinate

Lo ripropongo ancora una volta. Il comando da Terminale è ormai disponibile da diverse versioni del Sistema Operativo di casa Apple, è semplice da ricordare e, nel caso in cui non ti venissero in mente i parametri da passargli, puoi sempre usare il manuale da riga di comando:

OS X: bisogno di Caffeina?

KeepingYouAwake

Nato come progetto pubblico su GitHub, raccoglie un po’ l’eredità del Sacro Graal e la plasma secondo canoni più odierni, al passo con i tempi e con le necessità di praticità che noi tutti abbiamo. Se per la prima questione legata alla contemporaneità ti basta buttare nel calderone una buona icona che non sfiguri in mezzo alle altre che generalmente vedi nella barra Menu alta del Sistema Operativo, per la seconda ti tocca di donare all’applicazione un pannello Impostazioni degno di questo nome, che possa magari introdurre qualche novità.

Addio Caffeine, benvenuto KeepingYouAwake! 9

È ciò che KeepingYouAwake in realtà fa, perché oltre al classico singolo clic che ti permette di abilitare o disabilitare il caffeinate (alla base del funzionamento del programma), le sue Impostazioni (che puoi richiamare con il tasto destro sull’icona del programma quando questo è in esecuzione) ti permetteranno di regolarne il funzionamento secondo comportamenti a te più consoni, in base alle tue esigenze. Potrai scegliere di avviarlo insieme al Sistema Operativo, di farlo entrare in funzione appena lo si lancia, configurarne tempi di funzionamento predefiniti, farlo disattivare se la tua batteria sta per lasciarti appiedato.

KeepingYouAwake svolge perfettamente il mestiere per il quale è stato “ideato“, ti evita di dover imparare la sintassi da utilizzare da Terminale e aggiunge quella componente di comodità in più che per molti utenti può diventare irrinunciabile, è certamente uno strumento da tenere a portata di mano e installare sul proprio macOS anche a costo di doverlo utilizzare una sola volta. Questa è certamente la mia scelta tra le proposte elencate in articolo.

Amphetamine

Alternativa al sopra citato KeepingYouAwake, Amphetamine svolge lo stesso identico lavoro di base, proviene da Mac App Store (puoi scaricarlo gratuitamente utilizzando il badge qui di seguito) e include diversi altri accorgimenti che possono attivarne o disattivarne l’effetto in base a determinate condizioni.

Amphetamine
Amphetamine
Price: Free

Dietro un motore così carino e coccoloso, Amphetamine nasconde una serie di optional mica tanto da ridere. Questi possono costituire il bivio al quale sarai costretto a prendere una decisione, scegliendo di percorrere una o l’altra strada. Il software sviluppato da William Gustafson permette infatti di intervenire su una moltitudine di condizioni per le quali mettere il tuo Mac in condizioni di poter andare in sleep o meno, chiamando in causa azioni come il download di un file tramite una specifica applicazione o la connessione a una particolare WiFi (esempio -quest’ultimo- che ti mostro qui di seguito, chiedendo al mio MacBook di non spegnersi se collegato alla WiFi di casa):

La personalizzazione non finisce certo qui. Puoi chiamare in causa diverse altre condizioni, o anche attivare il Drive Alive, per tenere sempre viva e in allerta un’unità disco (poco importa se si tratta di una interna al tuo Mac o esterna, collegata magari via USB). Forse inutile aggiungere che –così come per KeepingYouAwake– anche Amphetamine permette di tenere d’occhio i consumi di batteria quando non si è attaccati alla corrente, consentendo di disattivare il caffeinate sotto una certa soglia e riattivarlo non appena possibile.

A queste funzioni si aggiungono quelle relative alle scorciatoie da tastiera per richiamare le azioni principali del programma, l’aspetto visivo (con possibilità di modificare l’icona usata da Amphetamine e tornare alla più conosciuta tazza di caffè) comprensivo di notifiche video e audio, l’uso dei profili rapidi da icona (in una configurazione standard il clic con il tasto sinistro richiamerà il menu completo, mentre quello da tasto destro permetterà di attivare o disattivare rapidamente il caffeinate).

Lo avrai capito: Amphetamine lo è di nome e di fatto, perché qui si va molto più in là rispetto al semplice tenere attivo e sveglio il proprio Mac. Si condisce questa banale ma fondamentale funzione di sistema con una serie di condizioni che possono permetterne o meno l’attivazione, una quantità non indifferente di variabili completamente pilotabili. Puoi adattare l’uso del programma alle tue esigenze, questo non è affatto un dettaglio da trascurare, ma tutto dipende dall’uso che vuoi fare di questo comando.

Oltre Amphetamine e KeepingYouAwake troverai svariate alternative disponibili, magari gratuite e con tanto di codici sorgenti pubblicati su GitHub, o pronte da scaricare su App Store. Io ho preso quelle forse più conosciute o che più mi sono piaciute, sperando di aver fatto cosa gradita ad altri utilizzatori orfani come me. Se hai ulteriori suggerimenti ti prego di lasciare il tuo commento in coda all’articolo, aiuterai il sottoscritto e probabilmente tanti altri lettori.

A te la scelta quindi, con cosa intendi sostituire il caro vecchio Caffeine? :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Estasiato credo possa essere il termine più adatto da cucire al petto di quella che è la serie automobilistica che regna sovrana nella mia personale classifica di gradimento, da anni ormai, in maniera grosso modo incontrastata. Playground Games e Microsoft tornano a far parlare di sé grazie all’arrivo di Forza Horizon 4, l’ultimo nato dalle sapienti mani dello studio di sviluppo britannico che dopo così tanti anni decide finalmente di farci approdare nella propria terra natia. Horizon 4 ci lascia sfrecciare sulle strade inglesi, attraversando sterrato, asfalto, laghi ghiacciati e chi più ne ha più ne metta, lasciandoci alle spalle il correre del tempo e il susseguirsi delle 4 stagioni che compongono il periodo freddo e caldo, con in mezzo le burrascose situazioni impreviste e la caduta delle foglie con quei colori spettacolari e accattivanti.

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi

Forza Horizon 4

Benvenuto in Gran Bretagna

Tutto comincia dalla novità principale del gioco: le Stagioni. Potrai (in realtà dovrai) metterti immediatamente alla guida di alcuni modelli di quattro ruote che incontrerai nel corso del festival, iniziando a prenderci la mano, cercando di capire e carpire tecniche di guida che cambiano in base alle condizioni climatiche e il tipo di strada. Sarai protagonista di cambi repentini tra primavera, estate, autunno e inverno, assaggerai il sapore della strada libera e dritta in grado di farti scaricare a terra tutti i cavalli che hai sotto quel cofano motore, ti ritroverai a derapare nel momento in cui la pioggia decide di rendersi inopportunamente ospite della prossima curva, darai tutto te stesso quando la neve cadrà e metterà a dura prova la tua capacità di controllo del mezzo, cercando di non colpire nulla di ciò che ti circonda, tutto ti può rallentare e tu non vuoi certo farlo, ma tranquillo, è solo una dimostrazione di cosa è capace di trasmettere Forza Horizon 4, il festival non è ancora cominciato e tu non hai certo scelto la tua prossima compagna di viaggio, lo farai tra un po’.

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 2

Metti a posto il tuo look, scegli il tuo avatar, personalizzalo per renderlo quanto più somigliante al tuo vero io, o per lo meno a colui che vestirà i panni di pilota durante l’intero arco del festival, in ogni tappa, gara regolare o non (si fa riferimento alle corse clandestine che scoprirai quasi subito), sfida di mezzi di trasporto che difficilmente potrebbero essere realmente comparati all’automobile (anche se Top Gear prima, e Grand Tour dopo, ha insegnato per anni che questa cosa è possibile). Parti dal basso, profilo entry-level, dovrai farti notare, mettere in mostra le tue capacità e dimostrare che meriti un posto alla festa, guadagna notorietà e influenza, un concetto ormai adottato da molti giochi (vedi la stessa serie Forza o The Crew 2, anche se quest’ultimo calca un pelo troppo la mano), solo così potrai sbloccare nuove gare e round, ma soprattutto nuove sfide esibizione che ti permetteranno di mettere la parola fine a una stagione, per poterti mettere alla prova con quella successiva.

Insieme è più bello (?)

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 1

Che non è né una domanda, né una affermazione. Forza Horizon 4 porta all’interno della serie Horizon quello che viene definito Mondo Condiviso, una simbiosi tra esperienza di gioco single-mode e multiplayer, andando a inserire all’interno di uno stesso mondo giocatori collegati nel tuo stesso momento al Live di Xbox, che stanno anch’essi giocando a Forza Horizon 4, esplorando magari le tu stesse strade, intraprendendo sfide o carovane che possono essere sfruttate per affrontare insieme il gioco. Nulla di tutto questo è però obbligatorio, una notizia che può rassicurare quelli che -come me- preferiscono guidare da soli, alla ricerca della prossima sfida senza una precisa meta, vagando anche un po’ per la sconfinata mappa messa a disposizione dagli sviluppatori che -aggiungo- hanno realizzato un fantastico lavoro riguardante l’interazione con gli oggetti all’interno della stessa. Potrai abbattere muretti e tronchi di piccolo taglio (quelli più grandi ti metteranno ancora una volta alle strette portando da 100 a 0 la tua velocità, in un solo bruttissimo colpo che però non danneggerà la vettura più dell’estetica esteriore).

Ogni giocatore collegato alla nostra sessione non interagisce direttamente con noi a meno che non lo vogliamo, accentando per esempio di partecipare a una gara organizzata sul momento (tutti con lo stesso mezzo, per non creare disparità), o lanciandogli un guanto di sfida da consumare su una parte di mappa decisa nello specifico momento dalla IA; sì insomma, meno Drivatar (che hanno sempre e comunque caratterizzato in maniera molto positiva il gioco) e più umani a giocare sul medesimo server, il tutto senza notare rallentamento alcuno, anche durante le gare lanciate sul momento, cosa che costituisce chiaramente punto a favore del team di sviluppo e di Microsoft che mantiene la struttura tecnologica su cui appoggia Forza Horizon 4.

Anche le gare comprese nella storia della mappa (quindi le tappe del Festival) possono essere giocate contro altri utenti reali, o magari in collaborazione con loro. La scelta ti viene proposta ogni volta che ne avvii una, puoi quindi combinare più modi di vivere Forza Horizon 4 secondo il tuo umore del momento.

Un’occhiata agli eventi Live

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 4

Live che tornano a essere protagonisti della tua storia solo nel momento in cui, dopo qualche ora di gioco, andrai a chiudere il primo ciclo stagionale. Questo ti permetterà di far prendere vita al tuo mondo Horizon, un susseguirsi rinnovato delle stagioni, che ora saranno sincronizzate con gli altri giocatori della tua sessione, permettendoti di partecipare ai nuovi Forzathon e guadagnare crediti che potranno essere spesi in uno shop di nuova concezione, presso il quale potrai sbloccare nuove auto, accessori, potenziamenti. Ti accorgerai di tutto questo grazie al comparire di alcuni messaggi sul tuo schermo, potrai accettare di entrare a far parte di un evento e raggiungere il luogo stabilito entro un tempo limite, accodandoti poi a una serie di altri giocatori (fino a un massimo di 11) con i quali dovrai collaborare per ottenere il risultato sperato.

Ogni evento live è suddiviso in tre stage uno in fila all’altro, con una durata massima di 15 minuti in totale, le regole verranno dettate dal gioco e tu dovrai solo cercare di rispettarle e portare a termine il compito richiesto. Preparati a sfrecciare davanti a un autovelox o concatenare una serie di spettacolari derapate (senza perdere il controllo dell’auto o distruggere i punteggi sbattendo dove non devi), ma non solo.

Tutti i tuoi risultati andranno a comporre uno schema “Vita Horizon” che riepilogherà i risultati raggiunti nelle varie categorie, costruendo così una tua personalità all’interno del gioco (tutto concorre al miglioramento del tuo Drivatar, che continuerà comunque a esistere e farsi vedere all’interno delle sessioni di gioco dei tuoi amici di Live). Più punti guadagni in ogni categoria, più potrai ambire a diventarne il re, portando progressivamente a casa crediti, ruote della fortuna (in questo capitolo del gioco anche in versione “Super” con 3 premi per ciascun giro) e novità da dedicare alle tue vetture o al tuo personaggio.

Casa è dove puoi avere il tuo garage a portata di mano

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 3

Altra novità del gioco, in Forza Horizon 4 potrai “mettere radici” in svariati punti della mappa, grazie all’acquisto di case (dalla più modesta a quella più assurda e costosa) che ti permetteranno così di accedere al tuo garage e mettere a punto facilmente le vetture, ma anche di avanzare nelle stagioni (inizialmente) a sfide esibizione concluse, come se ci si spostasse in auto verso il Festival Horizon che però spesso si troverà più lontano rispetto a queste abitazioni.

Ogni casa porta con sé un bonus, il quale potrà essere sbloccato portando lì la propria residenza (c’è infatti la possibilità di scegliere dove trasferirsi in pianta più stabile, condizione che sfrutta il bonus e non cambia null’altro ai fini della propria storia e dell’avanzare del Festival). La casa, così come l’epicentro del Festival Horizon, costituisce un punto di spostamento rapido, che però andrà sbloccato in ogni caso con qualche credito (in media i soliti 8000 se ben ricordo, non lo uso praticamente mai). Sia la propria casa che il Festival Horizon permettono l’accesso, oltre che al proprio garage, al salone d’auto (per comprarne di nuove) e alla casa d’asta, per provare ad aggiudicarci qualche pezzo raro (ammesso che i crediti offerti bastino) oppure vendere i propri gioielli inutilizzati, metodo certamente utile per fare una robusta base crediti da utilizzare per migliorare ciò che si è soliti guidare di più.

C’è altro?

C’è tanto, tantissimo, come sempre. Ci sono i gioielli dimenticati che potrai scoprire e recuperare in posti della mappa generalmente ben nascosti, c’è la modalità Drone che può aiutarti a scoprirne di nuovi e che permette ancora una volta di scattare splendide fotografie da salvare e condividere nella galleria personale, c’è la possibilità di personalizzare ogni vettura del proprio garage grazie all’utilizzo di design splendidi già realizzati e messi a disposizione dalla community o di partire da zero creandone uno proprio, c’è la messa a punto delle vetture che ti consentirà di migliorarne le prestazioni (o anche solo l’estetica esteriore fatta di paraurti, spoiler, cerchi e molto altro ancora). C’è un mondo intero racchiuso in circa 60 GB di gioco (non considerando i pacchetti auto extra, i nuovi contenuti che arriveranno, le espansioni, ecc.) che ho potuto cominciare ad apprezzare un pelo prima del dovuto grazie all’edizione Ultimate che ho comprato (con un buono sconto, che non si scherza mica considerando il prezzo di listino!).

Ho catturato circa tre di ore di gioco (le prime), senza tagli, con una marea di errori e con alcune perdite di tempo dovute alla scoperta dei menu e delle funzionalità. Le ho mandate in streaming come sempre sul mio account Mixer e caricate successivamente sul mio canale YouTube, il risultato è questo:

In conclusione

Forza Horizon 4 è un capolavoro della tecnica e del divertimento, è un risultato sotto al quale Playground Games non è ormai capace di abbassarsi, e il giocatore finale solo sa quanto questa sia cosa buona e giusta. La contemporaneità dei giocatori connessi e degli elementi caricati, le sfide, le mille sfaccettature dovute al cambio stagionale e ai panorami che questo porta con sé, i paesaggi sempre in movimento e “distruttibili” con i quali interagire, gli animali (ai quali non potrai fare del male, fortunatamente), le vetture dell’intelligenza artificiale che aggiungo quel tocco di piccantezza alla guida spericolata con la quale vuoi portare a casa alti punteggi.

Tutto di Forza Horizon 4 racconta una storia, si vive ciascuna rotonda o taglio netto come fosse l’ultimo, freno a mano tirato e giù con una derapata quanto più spettacolare possibile (ma la figura becera con incidente annesso è sempre dietro l’angolo, ne so qualcosa), poi giù tutto il piede a chiedere gas, fino alla prossima sfida. Questo gioco rappresenta il meglio che l’azienda videoludica ha offrire, non me ne vogliano i puristi di GT e simili, per me il racing game per eccellenza è Forza, Horizon è l’espressione più scanzonata e libertina, ma è probabilmente questo (in concomitanza con la mancanza di errori tecnici) a renderla assolutamente perfetta, con quel 99,9% di risultato raggiunto, perché lo 0,01% voglio tenermelo (e ci tengo particolarmente) da parte, per quando decideranno -se mai lo faranno- di reintegrare la lingua italiana nei dialoghi, dato che tutto il resto del gioco è perfettamente localizzato.

Dal canto mio non posso quindi fare altro che consigliarti l’acquisto del titolo, a prescindere dalla versione che sceglierai ti divertirai comunque come un pazzo.

Novità, proprio a partire da questa recensione, è il nuovo sistema di Rating interno, che darà finalmente un voto (da 1 a 5) ai prodotti provati :-)

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: comprato di tasca mia, non potevo non averlo, possiedo tutti i capitoli di Forza nonostante Microsoft abbia deciso di interrompere la collaborazione con il sottoscritto.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: